Abramo in valle Bormida


Messaggio scritto nel forum "Antares e le vere origini di Europa" (www.siagrio.it, 2001-2003)

Italia-Ulisse "destra" (ELISU INIM)


Elenco dei messaggi

Inviato da: Mauro il September 07, 2002 at 15:48:10:

In risposta a: "MINI USIL" etrusco ("enuma elish" babilonese)
Inviato da Mauro il September 07, 2002 at 05:58:30:

Partendo dal MINI USILE etrusco, questo USILE (E-
LISU) lo abbiamo visto collegato a "e-lish"
akkadico ("in alto") con il sole etrusco
(UsIL, "ushil", al contrario "lishu")
direttamente legato al segno "lish" che come
forma rappresenta l'Italia.

Chiaramente MINI non sembra proprio corrispondere
alla parola "enuma" akkadica ("quando") come
poteva sembrare nel messaggio precedente.
Piuttosto leggo questo:

MINI USILE MULU VANIKE

EKINAV ULUM ELISU INIM

In questo caso MINI e' la DESTRA biblica (YMYN).
L'importanza della destra viene data dai fegati-
mappa dove la regione italiana e' contraddistinta
dall'essere a destra delle Alpi ("in valle padana
abbiamo il "percorso alla destra della catena
alpina").

Lo stesso fattore "destra" giustifica
un'invasione delle popolazioni padane nel Tirreno
siccome anche il Tirreno e' la parte "destra"
degli Appennini.

Il termine akkadico "destra" e' "imittu" e ci
rivela la lettera "T", con un semitico "^M-T"
("popolo T"), o piu' semplicemente "M-T", "della
T". La T abbiamo visto che e' ventunesima alla
pari delle altre "L" e "s" del segno "lish" che
peraltro e' perfettamente uguale alle T etrusche
di alcuni alfabetari.

Questa "Italia" come "TLs" (tutte e tre le
ventunesime insieme) ci porta ai conoidi sul
fegato etrusco "TLUS", le montagne-vulcani che
caratterizzano il territorio italiano.

E' significativo che "destra" possa essere visto
sia nella parola "ELISU" (in quanto T, che come
imittu e' destra akkadica), oppure nel termine
MINI (YMYN la destra biblica).

Usando termini moderni potremmo leggere cosi' la
scritta:

E KI NAV ULU MELISU INIM

"e' qui la nuova Ilio dell'Italia destra"

Il termine MELISU entra poi nel vocabolario come
termine nuovo dimenticandoci che la M e' il
prefisso di specificazione semitico (vedi per
esempio le antiche localita' liguri preromane
ALASSIO e, nell'entroterra, M-ELESIO). Termini
come "melassa" sono direttamente legati alla
nostra regione italica.

Se poi vogliamo leggere la scritta con
l'alfabetario di venti caratteri possiamo
cogliere come altri interpretavano la stessa
scritta:

MINI USILE MULU VANIKE
KHLH PNHYG KzYz DBLHtG

Biblicamente "KH LH PNHYG K-zYz DY-B-LH-
tG", "forza nuova PNHYG come fiore il quale e'
dentro la nuova tG".

I termini PNHYG e tG hanno una lettura moderna
senza cercare il significato piu' nascosto (PN-HG
sarebbe "niente sacrificio", "niente
festival"), "forza nuova fenicia come fiore che
e' dentro la nuova ITACA". Dico ITACA ma non
saprei se possa essere quella di Ulisse (anche se
e' proprio lo stesso di UsILE, ELIsU-ULISSE). Di
certo abbiamo il suffisso italiano "tico" (scuola-
scolastico, Adria-Adriatico eccetera) che appare
anch'esso legato a tale questione.


Saluti,
Mauro
http://www.cairomontenotte.com/abramo/


Messaggi correlati:



Oggetto:

Commento: